Archivio

Posts Tagged ‘vibrisselibri’

Appuntamento in libreria

“Appuntamento con il notaio” di Alessio PAŠA
E “Tutto deve crollare” di Carlo CANNELLA saranno pubblicati da BARBERA EDITORE

A dispetto della crisi, la scommessa di vibrisselibri – trovare spazi per libri “mostruosi” nell’editoria tradizionale – avanza. Altri due libri pubblicati solo on line dalla casa editrice “anfibia”, nata nel 2006 da un’idea dello scrittore Giulio Mozzi, imboccano la via della carta. Grazie a Barbera Editore, la raccolta di racconti in versi Appuntamento col notaio / Paura della notte di Alessio Paša è approdato in libreria il 27 maggio. Mentre il romanzo Tutto deve crollare di Carlo Cannella verrà pubblicato entro fine anno dalla stessa casa editrice. I libri si aggiungono alle altre due opere diffuse prima on line e poi in carta: il romanzo Tana per la bambina con i capelli a ombrellone di Monica Viola, edito da Rizzoli, e il saggio Una tragedia negata di Demetrio Paolin, edito da Il Maestrale.

Salgono così a quattro su otto le opere targate vibrisselibri che passano dal web alla carta. Un successo che premia il coraggio e lo spirito da pionieri con cui i vibrisselibrai hanno cominciato la loro avventura, integrando editoria virtuale e reale per far trionfare la buona letteratura sulle mere logiche di mercato. Non a caso, vibrisselibri non abbandona i suoi “figli” una volta che traslocano in libreria. I manoscritti originali continuano ad essere disponibili gratuitamente sul sito http://www.vibrisselibri.net e possono arricchirsi di nuovi contenuti, appendici e anche piccoli film. Come per Tutto deve crollare, il cui booktrailer è stato appena realizzato dal vibrisselibraio Grenar: http://www.youtube.com/watch?v=Kx_785LR1VU

E vibrisselibri non si ferma. Presto sarà disponibile on-line la nona opera in catalogo: la raccolta di racconti Altre meraviglie dal carro bestiame, di Danilo Cannizzaro. Ed è già in lavorazione il prossimo libro: il poderoso romanzo Storie di ordinaria periferia di Antonio Maria Logani.

Dal risvolto di copertina di “Appuntamento con il notaio”:
Alessio Paša è un narratore di razza come ce ne sono pochi in Italia. Le sue storie sono storie claustrofobiche di famiglie, quotidianità, tradimenti, soldi, debiti. La sua scelta eversiva è quella della narrazione cinematografica per strofe e in versi: ciascuna strofa è una scena essenziale, ciascun verso è un’inquadratura, uno spostamento minimo della macchina da presa, la messa a fuoco nitida di un particolare. Nessun lirismo, nessuna sbavatura in queste storie: ma uno sguardo purissimo, clinico, tattile, famelico di percezioni.

Per informazioni e contatti:
ufficiostampa.vibrisselibri@gmail.com
Manuela Perrone – 348/7072729
Stefano Mazzoni – 329/4772558

Annunci

VibrisseLibri a RicercaBo

Ben tre autori pubblicati da vibrisselibri sono stati invitati a Ricercabo. Laboratorio di nuove scritture, che si svolgerà a San Lazzaro di Savena (Bologna) il 21-23 novembre 2008. Il comitato scientifico di Ricercabo è composto da Nanni Balestrini, Renato Barilli e Niva Lorenzini.

I primi due sono Alessio Paša, autore di Appuntamento con il notaio / Paura della notte e Carlo Cannella, autore di Tutto deve crollare. Il terzo è Demetrio Paolin, che per vibrisselibri ha pubblicato Una tragedia negata. Il racconto degli anni di piombo nella narrativa italiana, ma che è stato invitato a Ricercabo in quanto autore di un romanzo che sarà pubblicato nel 2009 da Transeuropa.

Ma che cos’è Ricercabo?

Annunciandone la prima edizione, un anno fa, così scriveva il Comitato scientifico:

Rinasce RicercaRE, la gloriosa manifestazione che si è tenuta presso il Comune di Reggio Emilia (da cui la sigla finale) dal 1993 al 2004, rinverdendo i riti che già erano stati del tedesco Gruppo 47 e del nostro Gruppo 63, ovvero gli incontri in cui autori di testi in prosa o in poesia, ispirati alle linee più avanzate della ricerca letteraria, si presentavano a un pubblico di esperti per leggere dei brani inediti dei loro lavori in corso, accettando di essere subito sottoposti alle più schiette e talvolta spietate analisi critiche.

In effetti le riunioni reggiane avevano assicurato un valido ponte tra le ormai lontane esperienze della neoavanguardia italiana e quanto andava facendo una nuova effervescente ondata di autori, per i quali non a caso furono volta a volta avanzate le etichette di Gruppo 93, per la poesia, e di Gioventù Cannibale, per la prosa. Se allora si trattava di autori in erba, questi sono rapidamente cresciuti ottenendo lusinghiere affermazioni.

Ebbene, terminata la stagione reggiana, il medesimo evento con la medesima formula rinasce alle porte di Bologna, presso il dinamico Comune di San Lazzaro di Savena, con un ritocco nel titolo, questa volta ispirato a un beneaugurante RicercaBO, futuro maccheronico di una costante vocazione al nuovo.

A reggere il timone di questa rinata manifestazione figurano due vecchi, Nanni Balestrini e Renato Barilli, a conferma di una linea di continuità nel decennale cammino delle avanguardie, nonché Niva Lorenzini, tra le più brillanti new entries della critica letteraria, che nello stesso tempo riveste il ruolo di Presidente del corso di laurea DAMS.

Categorie:- Tag:

Si sta come a Natale

Il salotto illanguidisce appannato dalle luci intermittenti dell’albero di Natale e da quelle, fisse, del presepe. Il tavolo è ancora pieno delle bucce delle noci, dei mandarini, i bicchieri mezzi vuoti  o mezzi pienim con i resti del Mumm.
Di là, in cucina, la lavastoviglie è partita con il primo carico.  Fa freddo, ma non molto. Dalla serranda pende un pupazzo di neve di stoffa; mio figlio, eccitato, le guance arrossate e i capelli di traverso accarezza i regali, li impila, se li porta nella sua stanza. Domattina faremo colazione tardi, nella sala da pranzo, conteremo le posate d’argento, per essere sicuri che non siano finite nella spazzatura.

Sto per andare a dormire. Anche io ho ricevuto dei bei regali. Bellissimi. Il libro curato da Leonardo Colombati dedicato a Bruce Springsteen, una bellissima sciarpa, Alta fedeltà di Hornby, che non ho mai letto e che leggerò con piacere, La vista da Castle Rock di Alice Munro, un dopobarba che , vi sembrerò borghese, desideravo.

Un regalo lo abbiamo fatto anche noi Vibrisselibrai. Se andate qui, trovate 21 racconti di Natale. 21 storie nuove, o ripescate dagli hard disk, tutte dedicate al Natale.

"Quella del Racconto di Natale è una tradizione pericolosa. Ci si sono cimentati, e magari divertiti, molti Grandi Scrittori: da Christian Andersen, Charles Dickens e Lev Tolstoj fino a – tanto per stare a casa nostra – Luigi Pirandello, Grazia Deledda, Dino Buzzati, Italo Calvino. Senza contare le Poesie di Natale: ci hanno provato, tanto per dire, Guido Gozzano (la famigerata «Il campanile scocca / lentamente le sei», e le sette, le otto, le nove, eccetera), Salvatore Quasimodo, Giuseppe Ungaretti. […]
E quindi: se il Natale è tutto questo, se tra Natale e Libro c’è una relazione così necessaria, potevamo noi vibrisselibraie e vibrisselibrai restare indifferenti? No, non potevamo. Certo: non ci chiamiamo Pirandello o Buzzati, e tanto meno Andersen o Dickens, ma abbiamo che fare intensivamente con le parole – chi anche per professione, chi solo per diletto – e, soprattutto, crediamo di avere il senso della misura. Il gioco ci piace, il regalare ci piace (non per nulla tutti i nostri libri sono gratuiti), e così un po’ per gioco e un po’ per la voglia di regalare (di regalare ciò che abbiamo di più prezioso: un po’ di noi stessi) ci è venuto in mente di fabbricare questa strenna natalizia: un piccolo libro di Racconti di Natale"
(dalla presentazione, di Giulio Mozzi e Ramona Corrado)

Buona notte e buon Natale a tutti.

Categorie:- Tag:,

Libri e lettori

11 dicembre 2007 3 commenti

A me la produzione libraria spaventa nelle sue dimensioni.
55.000 libri l’anno.
Girare per gli stand di Più libri più libera mi inquieta, mi addolora…
Vedo case editrici di nicchia, ma parecchio, che non ho mai visto in nessuna libreria. Mi domando inevitabilmente di cosa campino, ma soprattutto: perché.

Sfoglio un libro a caso. La traduzione di una raccolta di racconti inglesi di un autore mai sentito. Il nome della casa editrice dimenticato. Lo guardo, penso: che senso ha? Non ha nessun senso. Certo, qualcuno ci ha dedicato tempo, qualcuno lo ha tradotto, qualcuno lo ha discusso, lo ha corretto, lo ha editato. Se provassi a chiedere a ciascuna di queste persone le ragioni del proprio lavoro me le saprebbero dire.
Ma sono ragioni soggettive. Voglio dire: non credo che una "logica", non vi sia, ma per il "sistema" questo libro è come se non ci fosse. Non esiste, non ha senso. Io ho fra le mani una cosa che non esiste. Qual è la ragione obiettiva del suo esserci? Non arriverà mai in nessuna libreria, pochissimi, forse nessuno lo leggerà.

Altri dati, nudi e crudi, sulla produzione libraria in Italia, li trovate proprio qui.

Voglia di lavorare?

In modo non retribuito, s’intende. Di questi tempi, signora mia….

Vi piace leggere? Volete dare una mano al Comitato di lettura di vibrisselibri?
Scrivete al Comitato di lettura, indicando quale potrebbe essere, in linea di massima, la vostra disponibilità (ovvero quanti dattiloscritti pensate che potreste realisticamente leggere: uno alla settimana, quattro all’anno, tre al mese ecc.). Tenete conto che la lettura di un dattiloscritto comporta anche la redazione di una breve scheda.
Nella lettera vi chiediamo anche di dirci chi siete, e di aggiungere tutte quelle altre informazioni che ritenete possano servire (ad esempio: se avete esperienza editoriale, se avete gusti di lettura specifici, se avete particolari competenze, se avete una formazione letteraria, se leggete in cucina o al pub, eccetera).
Spedita la lettera, riceverete subito una breve risposta automatica (se non la ricevete, vuol dire che qualcosa è andato storto nella spedizione della vostra lettera). Successivamente il Comitato (nella persona del Decone Lucio Angelini o di uno dei suoi vice, Luca Tassinari e Giuseppe Mauro) si farà vivo con voi. E a quel punto cominceranno i dolori.
Riceverete via email un dattiloscritto. Vi sarà chiesto di leggerlo e di redigere una scheda di lettura. La scheda sarà valutata dal Comitato, che deciderà se accettarvi o no come Lettori di vibrisselibri.
Se sarete accettati, auguri e buon lavoro. Se non sarete accettati, grazie mille per la disponibilità e scusate per il disturbo.

Fatto l’appello, procedo con le domande e le obiezioni.

Continua su VibrisseLibri.net »

Categorie:- Tag:

16 novembre 2007 2 commenti
biscompleannoBuon compleanno, VibrisseLibri

buoncompleannoVL1

Categorie:- Tag:

Vibrisse multimediale

Tana per la bambina con i capelli a ombrellone, di Monica Viola è il primo (bellissimo) romanzo che, pubblicato online da VibrisseLibri, ha trovato un editore (e che editore: Rizzoli). E con lei condivide la stessa sorte il bravo Demetrio Paolin con il suo saggio  Una tragedia negata. Il racconto degli anni di piombo nella narrativa italiana, in uscita presso le edizioni Il Maestrale.

Su Youtube è intanto disponibile una interessantissima videorecensione di Tana, realizzata da Grenar, già noto ai più come autore del progetto MarisaMultimedia.

Categorie:- Tag:,