Archivio

Archive for the ‘Poesie informatiche’ Category

Amore protetto

9 febbraio 2007 10 commenti

La mia verve poetica associata all’informatica non cessa di stupirmi. Eccone un ulteriore saggio. Gli altri essendo il primo qui e il secondo qui

Che ne sai chi entra e chi esce
chi beve il vino o chi lo mesce

Chi di soppiatto, chi ballando
chi, educatamente, bussando

Della tua sicurezza
sfrutteranno le falle
(cara pagherai la leggerezza)

Tieni chiuse le tue porte
da rapaci o da farfalle
innocenti o gattemorte

Con l’astuzia e con l’inganno
prima o poi s’affacceranno

Siano baci oppur catene
non puoi più tergiversare
or difendere conviene
della patria il sacro suol…

Cosa aspetti ad installare
un firewall?

Amore.XLS

Prosegue la serie “Poesia & informatica”, cominciata qui, Se quella era per iniziati questa temo non la capirà nessuno.

Sei la matrice_tabella
che soddisfa la condizione
della mia cella.

Cerca.vert è la funzione
che restituisce il tuo valore
(logico e riferito)
dall’indice impostore
tendente all’infinito.

Amore.xml

1 dicembre 2006 3 commenti

(ho scoperto una vena poetica – ? -)

Sei la mia DTD,
il foglio di stile associato
per dare il soffio di vita
all’albero denudato
del mio documento

Il mio XML Schema:
molto più di un ornamento –
come sulla torta la crema.

(dove però schema
si legge schima
se non ci fosse il problema
della rima)