Home > italia, varie > L’Economist e Padre Pietro Lavini, il muratore di Dio

L’Economist e Padre Pietro Lavini, il muratore di Dio

L’Economist e Padre Pietro Lavini, il muratore di Dio

[riceviamo e volentieri pubblichiamo, come si diceva una volta…]

laviniL’Economist è il migliore settimanale d’economia al mondo. Potrete anche non condividere il messaggio dei suoi articoli, ma non vi annoierete mai. L’uso della lingua è perfetto. Gli articoli sono chiari: c’è un’introduzione e uno sviluppo che prosegue senza incertezze. Le conclusioni non sono mai ambigue. La reputazione del giornale è altissima. Ogni settimana le copie vendute sono circa 1,5 milioni. È leggendaria l’abitudine dell’Economist di non dare nulla per scontato. Ogni settimana si trovano frasi del tipo “Mr. Obama, currently President of the USA”.

Una rubrica “cult” dell’Economist è l’obituary, pubblicata nell’ultima pagina. Gli obituary sono una specializzazione della stampa inglese. Sono importanti, come gli articoli in prima pagina dei nostri giornali. Gli obituary non sono mai lasciati all’ultimo giornalista arrivato.

Di norma gli “obituary” dell’Economist sono dedicati a inglesi e americani. È una scelta naturale, data l’origine del giornale e il fatto che negli Stati Uniti vende il 50 per cento delle copie. Alcuni personaggi degli obituary sono degli sconosciuti per noi italiani, ma ci sono naturalmente ricordi dedicati a premi Nobel, scrittori, artisti, scienziati e politici. Ad agosto, ad esempio, è stato ricordato Oliver Sachs, a settembre Jackie Collins.

Ogni anno gli obituary dedicati a personaggi italiani sono rari. Ciò è normale. Direi che la nostra percentuale – due/tre obituary all’anno – è simile a quella francese o tedesca. A memoria, ricordo obituary dedicati negli ultimi anni a Andreotti, Rita Levi Montalcini e Ferrero (l’imprenditore).

Sono quindi rimasto sorpreso dell’obituary del 22 agosto scorso, dedicato a  Padre Pietro Lavini, morto nel suo eremo di San Leonardo (nelle Marche), il 9 agosto. Non avevo mai sentito parlare di Lavini. Ho cercato di raccogliere qualche informazione, ma non ho trovato nessun riferimento alla sua fine sulla stampa nazionale più importante. Solo alcuni articoli nelle edizioni regionali.

Andate a leggere la storia incredibile di questo prete francescano.  Resta un mistero di come l’Economist abbia scelto di parlarne. O è una piccola lezione per la nostra grande stampa?

Annunci
Categorie:italia, varie
  1. 30 settembre 2015 alle 09:07

    L’articolo più approfondito, guarda caso, l’ho trovato sul Telegraph: http://www.telegraph.co.uk/news/obituaries/11801354/Padre-Pietro-Lavini-Gods-Builder-obituary.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: