Home > viaggi > Uno sguardo andaluso

Uno sguardo andaluso

[di RdB]

alhambraNonostante la crisi, resta intatto il fascino dell’Andalusia. Certo, gli spagnoli sono più sobri che in passato. Ci mancherebbe altro, con la disoccupazione totale al 26 per cento e quella giovanile al 57 per cento. Un solo esempio: la sera del 31 dicembre, a Siviglia, nessun palco in piazza, nessuna spesa per lo show, niente fuochi d’artificio, nessun “countdown” ufficiale all’approssimarsi della Mezzanotte. In una parola, risparmio (sacrosanto).

Si va in Andalusia per vedere l’Alhambra (nella nostra foto), l’Albayzin e la cappella reale a Granada, la Mezquita a Cordoba (forse il monumento più stupefacente), la cattedrale e l’Alcazar a Siviglia. Eravamo stati in Spagna oltre trenta anni fa. Come è noto, il paese è stato cementificato, prima sulle coste, poi un po’ dappertutto. Però i centri storici andalusi sono stati difesi e sono più puliti di Roma (va molto peggio a Madrid, come ha scritto l’Economist lo scorso novembre).

Per un po’ di giorni si torna a parlare di Isabella di Castiglia, Ferdinando d’Aragona, Giovanna la Pazza, Filippo il Bello, Carlo V e Filippo II. Una storia di convivenza religiosa e poi, purtroppo, di cacciata dalla Spagna di ebrei e arabi. Non c’è molto da aggiungere, basta munirsi di una buona guida o di un manuale di storia o di “Civiltà e imperi del Mediterraneo” di Fernand Braudel.

Diamo solo un consiglio: non tralasciate i retabli, quasi assenti in Italia, e stupefacenti non solo nella Cappella Reale a Granada e nella cattedrale di Siviglia (purtroppo in restauro), ma anche in chiese “minori” come San Idelfonso, la Cartuja e San Jeronimo a Granada e il Divino Salvador a Siviglia. Santi, madonne, Gesù (di tutte le età, da bambinello a uomo maturo), Dio (sempre con il barbone), martiri, san Giovanni Battista decollato e Salomè, re e regine, accumulati su strutture in legno e/o marmo alte anche venti metri, con fregi, intarsi, ghirigori, pinnacoli, inserti, scomparti, balconi, dittici, trittici, polittici, cornici, ori, argenti, corone, pennacchi. Come giganteschi presepi verticali.

Annunci
Categorie:viaggi
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: