Home > letture, riccardo db > Roma senza papa, di Guido Morselli

Roma senza papa, di Guido Morselli

Guido Morselli, Roma senza papa (1974)

[le letture del martedì di RdB]

morselli

Roma è senza papa, almeno per alcuni giorni, e mi è tornato in mente questo libro. È  un romanzo cupo, senza speranza, di un conservatorismo assoluto.

Morselli immagina che dopo il concilio Vaticano II le tesi moderniste abbiano preso il sopravvento, convincendo lo stesso papa a spostare la sede a Zagarolo. È straordinaria la conoscenza sciorinata dei culti e delle variazioni religiose più bizzarre, non solo cattoliche. L’erudizione è comunque triste – altro che Eco nel Nome della rosa – perché spesso fine a se stessa. Domina il rimpianto, noioso, di un mondo che, per fortuna, non c’è più. Il critico del Corriere della Sera ci vide un Gattopardo del Nord – e così ancora recita una quarta di copertina di un’edizione Adelphi – ma il protagonista non sarebbe mai andato con le puttane, come fa il Principe di Salina all’inizio del romanzo, e anzi protesta contro la libertà di costumi di un clero romano presentato in disfacimento. Si salvano alcuni notevoli passaggi comici, frutto di una volontà iconoclasta di ogni innovazione che possa darsi su questa terra.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: