Home > -, libri e dintorni > Davvero interessante

Davvero interessante

Arrivato a circa cento pagine dalla conclusione, è ovvio che la trama di Uomini che odiano le donne abbia suscitato un certo interesse, come dire, di primo livello.
Di fronte a qualsiasi situazione di mistero (indipendentemente da come viene raccontata) l’essere umano viene preso da curiosità.
Però è come se per tutto questo tempo io abbia origliato la conversazione di due tizi, in treno, che si raccontano  fatti che non mi riguardano. Fatti strani, che ascolto con un certo interesse, ma di cui alla fine non ricorderò nulla e che non mi toccano in nessun modo.

Annunci
  1. 24 giugno 2009 alle 10:10

    Io, su aNobii, l’ho commentato così.

    “Il libro ha diversi aspetti criticabili: l’antipatia che il protagonista suscita (fascinoso, intelligente, integerrimo, tutte le donne attraenti che incontra vogliono andare a letto con lui); l’intreccio frusto con epilogo scontatissimo; il fatto che, una volta svelato il mistero, ci siano da leggere ancora un sacco di pagine noiosette e ridondanti. Però l’autore è bravissimo a costruire la tensione poco a poco, la nefasta storia della famiglia Vanger è intrigante il giusto, e gli scenari innevati dell’isola di Hedeby sono affascinanti.”

  2. 24 giugno 2009 alle 10:11

    (btw, gli ho dato tre stellette)

  3. bsq
    24 giugno 2009 alle 10:34

    Ti dirò… stavo per scrivere un terzo post a conclusione della lettura ma me ne è andata via la voglia.
    Non mi è piaciuto. Punto. La storia di Martin Vanger è del tutto priva di interesse. Vabbè, non voglio spoilerare, lasciamo perdere.
    Le ultime cinquanta seono le più brutte e inutili ultime cinquanta pagine della storia della letteratura. Come se al cinema dopo la conclusione dell’intreccio prinicpale ci ammannissero altri 25 minuti di epilogo. Bah. Speravo a ogni pagina che ci fosse un nesso con la vicenda principale, una motivazione narrativa. Niente.

    Del resto confermo: sono io che non capisco. Il libro è un successo planetario. Mi arrendo.
    Cioa
    Ezio

  4. 24 giugno 2009 alle 10:48

    Comunque, mi sembri troppo severo. Indubbiamente non è un capolavoro, ma c’è in giro molto di peggio. E almeno un grosso pregio ce l’ha: mi ha inchiodato alla lettura, non riuscivo a smettere di leggerlo (e dire che non è neanche scritto troppo bene).

  5. bsq
    24 giugno 2009 alle 11:14

    Può essere. Comunque il libro che sto leggendo ora, come si vede nella colonnina qui a destra, è delizioso.
    Ezio

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: