Home > libri e dintorni > Alla fiera del precariato

Alla fiera del precariato

Come ogni anno sono andato alla fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi, ancora in corso (chiude lunedì sera). Invidio sinceramente quelli che vi trovano spunti, sorprese, novità editoriali che non hanno spazio nelle librerie, soffocate dai volumoni colorati e ingombranti delle grandi e ingorde case editrici. Io non ci ho trovato nulla di interessante. E ho provato, come ogni anno, una profonda angoscia.

Non scherzo: mi passa la voglia di scrivere. Ho visto: montagne di libri candidati a non essere letti da nessuno, autopromozioni di autori pubblicati a proprie spese (“buonasera, posso disturbarla un momentino? sono l’autrice di questo romanzo…”), addette stampa scollatissime, vecchi guru di provincia che hanno pubblicato una volta per una casa editrice mediopiccola a pagamento con codazzo di studentesse di corsi di scrittura, vecchi tromboni del giornalismo in attesa di clenti nel loro piccolo stand, gli amici degli amici degli amici negli stand che contano (Fazi, Fandango), gli editor con il loro autore, il pubblico medio, il pubblico saputo, che è lì per incontrare Tizio o Caio, il pubblico curioso, il pubblico di bambini (la cosa più bella della fiera).

Ma soprattutto, quest’anno, ho visto la fiera del precariato. Nulla di diverso dagli anni scorsi. Ma quest’anno ci ho fatto caso.
Guardavo le facce di questi ragazzi agli stand. Venticinque-trent’anni. Il sogno di una professione nell’editoria, quella faccia un po’ così di chi ci sta dentro, e tu no. Ma a che prezzo? E partecipando a che cosa, precisamente?
Guardavo la loro fragilità, il carnevale della loro disperazione, la fiducia smisurata in una illusione e l’amarezza implicita di chi sa bene come stanno davvero le cose.

Per fortuna ero lì con amici, e mi sono divertito molto.
Ma a cena di più.

Annunci
Categorie:libri e dintorni
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: