Home > -, stati uniti > E’ il momento della festa

E’ il momento della festa

Senza se e senza ma.

ObamBig5-1Mi sono alzato alle sei, e ho ascoltato il discorso di Barack Obama.
Giudicate come vi pare la storia della donna di 106 anni di Birmingham, Alabama che va a votare per lui (con la quale ha concluso il discorso): pura retorica buonista e strappalacrime?
Vi ricorderei allora che era il 1963, non un secolo fa, quando Martin Luther King "sognava" un mondo nel quale i bambini non sarebbero stati giudicati dal colore della loro pelle. Quella donna è nata schiava, e ieri ha votato per il suo presidente.

Aspettando che Obama arrivasse sul palco la telecamera scrutava i volti della gente di Chicago che affollava il parco. Uomini e donne di tutte le razze uniti nei canti folk o funky o religiosi, o patriottici.
Un uomo sulla sessantina, bianco, liberal, tipo alla Spencer Tracy, si accorge di esere inquadrato e fa cenno alla moglie al suo fianco. Sorride felice. Forse Obama non sarà allo stesso modo il suo presidente, ma di sicuro è il presidente dei suoi valori, di uguaglianza, solidarietà, generosità, i valori liberali che ha condiviso con la compagna della sua vita, che ha appassionatamente trasmesso ai suoi figli e che stanotte si sono concretizzati.
Sono anche i miei, i nostri valori.

L’elezione di un presidente degli Stati Uniti ci piaccia o no ci concerne sempre. Stavolta ci riguarda molto da vicino, perché riguarda le nostre speranze, le speranze universali e i valori profondi in cui abbiamo sempre creduto.

Qui il discorso completo di Obama, stanotte a Chicago.
Qui, il pianto di Jessie Jackson, mescolato fra la folla, con la sua bandierina americana in mano.

Annunci
Categorie:-, stati uniti Tag:
  1. 6 novembre 2008 alle 13:32

    è vero quello che dici. i suoi valori sono anche i nostri e quello che è successo ieri si rifletterà su tutti noi nel tempo.e comunque non dimentichiamo che obama è afro americano nel vero senso della parola, sintesi e armonia dell’incontro tra una donna americana bianca e un uomo africano nero. è già lui stesso un simbolo di convivenza e di tolleranza.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: