Home > -, testi > Al punto di partenza

Al punto di partenza

A una certa distanza, non per mia scelta.
"Mi piace il freddo. Sono belle queste giornate. C’è qualcosa di cui parlare. Quest’aria di sfida non impegnativa. Sul piano morale, dico. O semplicemente delle intenzioni. I raggi del sole che attraversano i rami secchi, senza scaldare, queste rifrazioni abbaglianti. Come pure il caldo. Il caldo estremo. Per gli stessi motivi. Mi piace."
"Mmm…"
"Non ci sono più le mezze porzioni, sai?"
"Cosa?"
"Alla tavola calda. Hanno eliminato le mezze porzioni."
"Peccato."
"Erano comode. Anche per risparmiare. Ma non solo per quello."
Si accese una sigaretta.
"Disapprovo."
In realtà avevo cominciato anch’io. Lei fece spallucce. Era piuttosto raffreddata.
"Fammi fare un tiro."
Mi guardò incuriosita. Presi la sigaretta.
"Non c’è bisogno che te la lecchi", disse.
"Te ne sei accorta."
Aspirò profondamente.
"Allora, cosa avevi da dirmi." Mi disse.
"Ti ho già detto un sacco di cose."
"Che fa freddo. Questo già si sapeva."
Qualche giorno prima mi aveva tenuto al telefono mezz’ora. Lei al telefonino, il tragitto dall’università alla stazione; io a casa, sdraiato sul letto. Una serie di ragioni inoppugnabili.
"Dove vuoi arrivare?"
Guardai il cielo, magari trovavo una risposta.

"L’altro giorno il prof mi ha fatto trovare un camice nuovo sul tavolo del laboratorio, tutto bello piegato, nel cellophane."
"Una proposta?"
"Certo. Sono eccitatissima."
"Bene."
A me era appena scaduto il contratto. Poco male.
Giravamo in tondo e non si arrivava mai da nessuna parte. Anche perché lei abitava qui. Le nostre discussioni di solito avvenivano sotto casa sua, e finivamo sempre al punto di partenza.

Annunci
Categorie:-, testi Tag:
  1. utente anonimo
    20 dicembre 2007 alle 10:22

    Bsq, è bellissima questa cosa che hai scritto. Non c’è una parola di troppo.
    E ora dimmi dove si trova quel cerchio di case.

    Bandini

  2. bsq
    20 dicembre 2007 alle 12:41

    Ti ringrazio.
    Via Carnabuci, quartiere nuovo Salario, Roma, Italia.
    Ezio

  3. 20 dicembre 2007 alle 13:44

    Bello.. come lo sono le cose essenziali, che nascondono dietro tanto altro.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: