Home > -, discorsi, viaggi > Esterofilo, lo so

Esterofilo, lo so

Dopo due anni rieccomi a Berlino.

Pensavo questo, un paio di settimane fa, a Stoccolma: viaggiare per posti esotici è emozionante e formativo, bellissimo e gratificante.
Ma.

Scoprire ciò che ci è prossimo, il nostro simile, il nostro quasi, il nostro come avremmo potuto essere se, personalmente lo trovo più interessante, molto più interessante (e deprimente…)

Perché a me piace scoprire come vivono i miei simili, calarmi e sperimentare la quotidianità per verificare come potrebbe essere la mia vita in quel contesto.
A Bangkok, al Cairo, a Petra, in Giordania, posso avere illuminazioni sulla storia e la cultura dell’altro da me. Nulla da dire, fantastico.
Ma a me, che mi sento profondamente calato nell’universo europeo, non verrebbe mai di immaginarmi lì, caffettano e sandali ai piedi, o meglio ancora scalzo e condurre una vita migrante. Perché questo è semplicemente impossibile che si verifichi.
Osservare invece i viennesi, i parigini, gli stoccolmesi i berlinesi, mi mette a confronto con il possibile realizzato. Con civiltà che offrono, in genere, ai miei occhi esigenti spettacoli di civismo, tolleranza, libertà, allegria, benessere (in senso latissimo), onestà, dignità: un campionario di valori fondativi del vivere civilizzato. Suppongo che loro abbiano capito qualcosa che a noi sfugge.

Quando vado a Londra, Parigi, Vienna, Stoccolma – o nei posti limitrofi – ho la sensazione che lì starei molto ma molto meglio, io e la mia famiglia. E che qui da noi, in Italia, con il nostro sole, la nostra magnifica ironia, il nostro menefreghismo, la nostra supponente bellezza non abbiamo capito niente.

(limiti? difetti? quale società non ne ha? noi per esempio li abbiamo tutti senza peraltro poter vantare i loro valori positivi)

Annunci
Categorie:-, discorsi, viaggi Tag:
  1. 16 ottobre 2007 alle 20:48

    sono convinta anch’io che ci sia sfuggito qualche cosa…convinti che in Italia si viva bene….quasi ci accontentiamo ..senza mai cercare di vivere meglio.

  2. 17 ottobre 2007 alle 15:54

    Forse però l’allegria è un pò più di noi italiani. E forse è per questo che io mi sento più austriaca che napoletana.

  3. 22 ottobre 2007 alle 23:37

    di Berlino conservo, ad imperitura memoria, la maniera tutta ex sovietica di foderare i volanti delle vecchie, grasse, mercedes, riciclate a bella posta ai peones dell’Est dai piu’ progrediti dell’Ovest, foderate, anche in pieno agosto, da pellicce di tutte le fogge, e colori.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: