Home > no comment, sicilia > Una cosa di sinistra

Una cosa di sinistra

"Con 272 voti favorevoli e 234 contrari, la Camera ha approvato la mozione del centrosinistra che "stoppa" la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina. La mozione, firmata dal capogruppo dell’Ulivo Dario Franceschini, giudica "non prioritaria" la costruzione del ponte e impegna il governo a realizzare altri interventi per il miglioramento della viabilità nel mezzogiorno: in particolare il completamento della Salerno-Reggio Calabria e il miglioramento della rete autostradale siciliana. Sono questi, sottolinea il documento votato dall’assemblea, gli interventi ai quali occorre dare "assoluta priorità "

vedi: il risultato finale della votazione di stamattina (dal sito della Camera).

Firmato: ‘Ndrja Cambrìa, Caetanello Cambrìa, Luigi Orioles, Ciccina Circè, Marosa Orioles, il Delegato di spiaggia signor Cama, e tutti i pellesquadra.

Annunci
Categorie:no comment, sicilia
  1. 13 ottobre 2006 alle 10:37

    Una cosa di buonsenso, per una volta.

  2. 17 ottobre 2006 alle 22:00

    provinciali ! fatevi un giretto dalle parti dell’oresund e ne riparliamo.

  3. bsq
    18 ottobre 2006 alle 16:14

    Non sono d’accordo. L’Oresund collega Svezia e Danimarca, non Sicilia e Calabria. E poi a che cavolo serve il ponte laggiù? Ti pare sensato far percorrere a TIR e altri mezzi di trasporto consimili 1000 km di Salerno-Reggio calabria prima di arrivare? Esistono le navi. E gli aerei. Si fa prima.
    Dai retta: soldi sottratti alla mafia.
    ezio

  4. 18 ottobre 2006 alle 20:44

    Ezio, concedimi, qualche scarna nozione di geografia, la conservo (e fra l’altro ci sono stato, pochi mesi dopo l’apertura). Il riferimento all’Oresund non è gratuito. E’ stata una delle volte in cui ho imparato, diciamo meglio: toccato con mano, che le nozioni di geo-politica impartiteci a scuola erano vecchie e stiracchiate. Il dio denaro, conosci ? Ecco, in barba a confini marcati su un atlante, in barba a tutto ciò che l’affanno dell’uomo ha tentato, invano, di delimitare, lassù girano i soldi. I soldi, capisci ? Un ponte come l’Oresund ha “solo” ratificato questa realtà, consentendo, a due realtà (nate, geograficamente distinte) ad unirsi, collaborare, dare vita ad altro business, non solo: da tempo le università erano già compenetrate: il ponte non ha fatto altro che prendere atto della contiguità culturale, prim’ancora che quella statuale. Se ne fottono i denari di sapere sotto quale bandiera crescono. Gli interscambi alle stelle, e il ponte come polo gravitazionale. Anche le repubbliche baltiche dell’Ex URSS (l’Estonia in primis) l’hanno salutato come “il mezzo” attraverso il quale mantenere acceso il frullatore delle razze, delle loro culture. Che poi, e non mi meraviglio, ci sia chi agogni allo splendido aventinismo di certa intellighenzia isolana, sia ! Si incaricherà la storia di dargli il peso che meritano. Ma almeno, dopo, che non rompessero i coglioni con la storia (abusata) dei mancati aiuti. Augh !!!

  5. utente anonimo
    15 luglio 2007 alle 12:25

    W SILVIO BERLUSCONI ! http://WWW.VITOZERILLI.COM

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: