A scuola

Ho comprato questo libro qua, e l’ho letto più o meno in un paio di viaggi metropolitani. "Nuotare sott’acqua e trattenere il fiato" di Francis Scott Fitzgerald, scrittore di cui non ho letto molto, ma ciò che ho letto mi è sempre piaciuto assai. Autore, fra altri libri famosi, di due dei racconti lugnhi più belli che abbia mai letto, Primo maggio, che trovate nella raccolta Racconti dell’età del jazz (Oscar Mondadori, che temo essere esaurita), e La crociera del rottame vagante, (Sellerio), libro che ho amato e che ha un particolare significato molto privato che ora non dico.

Si tratta di una compilation di frasi curate da Larry W. Phillips, tradotte da Leopoldo Carra per Minimun fax, che lo ha pubblicato nel 2000, tratte per lo più da romanzi e lettere, sul tema dello scrivere. Il sottotitolo recita infatti: Consigli a scrittori, lettori, editori.

Una volta tenevo un blog, Apprendista stregone. Vi ho scritto per un po’ di tecnica dello scrivere. Non perché io sia titolato a farlo. Ci ho buttato dentro idee, riflessioni, citazioni, racconti con uno spirito autodidattico ed esplicitamente pragmatico. Cose che si leggono e si ruminano per imparare a scrivere meglio.

Quell’esperienza è defunta per mancanza di tempo e, temo, di interesse. Anche se mi ha dato delle soddisfazioni.

Ora Apprendista viene declassato a "tag", categoria, che va a cominicare con una bella carrettata di citazioni da questo libro, che mi ha dato infiniti spunti. Ve ne sottoporrò uno al giorno (ma non tutti i giorni…), senza commenti.
Cominciamo senz’altro.

"Scrivere bene è sempre nuotare sott’acqua e trattenere il fiato"
(L’età del jazz e altri scritti)

Annunci
  1. 18 maggio 2006 alle 23:35

    mi sembra una buona idea, apprendista

  2. 19 maggio 2006 alle 07:19

    “Racconti dell’età del Jazz” non è esaurito, tutt’altro. E’ negli Oscar Mondadori e sta bene (nel senso ch’è uno dei loro long seller più fortunati, anche se non quanto “Il grande Gatsby” e “Tenera è la notte”).

  3. bsq
    19 maggio 2006 alle 08:14

    Davide, l’ho supposto perché su Ibs lo danno indisponibile.
    ciao
    (perciò esisti ancora…)

  4. 19 maggio 2006 alle 12:38

    Grandi punti in questo libro… sì!

  5. 19 maggio 2006 alle 18:44

    Nessuno come Fitzgerald. Soprattutto nel parlare di come si scrive. Ci sono considerazioni e riflessioni di pregio anche nel lavoro preparatorio a The last tycoons, incompiuto. Lo leggi e ti sembra di assistere al lavoro di un architetto che progetta un edificio maestoso e bellissimo.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: