Home > libri e dintorni > Incubi

Incubi

Dottore, sto male. Faccio strani sogni, incubi.
Dottore, mi dica cosa posso fare, non posso andare avanti così.
Pensi, ho sognato che su uno dei due maggiori quotidiani italiani, uno dei più importanti storici e critici della letteratura italiana, che non scrive quasi mai “recensioni”, né di libri italiani, né stranieri, dedica due pagine all’ultimo romanzo di Melania Mazzucco. Nel sogno io andavo a parlare con il critico, all’università, e gli chiedevo come mai proprio Mazzucco: ci sono decine di autori della caratura di Mazzucco, centinaia… perché proprio lei?
Il critico mi guardava sotto i baffi, stretto nel suo trench beige, i giornali sotto l’ascella, lo sguardo perso e non rispondeva.
Ma questo è niente.
L’altra notte ho sognato che usciva il calendario delle scrittrici. No, cos’ha capito? Vestite, certo. E pure sul calendario c’era Mazzucco. Ogni mese una scrittrice, con una citazione particolarmente significativa. Pensi, a gennaio Mazzantini, a marzo Tamaro. Un incubo, lo so, e io che detto?

Ma poi, per fortuna, come ogni mattina, mi sono svegliato. Agitato, confuso, ma felice di cominciare una nuova giornata nel mondo reale, dove queste cose, grazie a Dio, non possono succedere.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: