Cecità

(di Josè Saramago?)

Dentro il Superdome non c’era cibo e quel poco che si trovava veniva pagato a peso d’oro. Stessa cosa per l’acqua, per le sigarette, per una coperta, un cuscino, una pila. "Bisognava organizzarsi", racconta Dave, 20 anni, studente di Medicina all’università della città. "Per difendere la roba da mangiare, per dormire, per lavarsi. Facevamo dei turni anche per dormire. Qualcuno si era portato la pistola dietro e la teneva bene in vista".

Ma l’incubo era il bagno. Ce n’erano trenta, sparpagliati al piano terra del grande stadio dell’Nba, il campionato nazionale di basket americano. Era il posto preferito per gli assalti e gli stupri. Sembravano favole, storie nate da qualche mente troppo fantasiosa. Ma nei rapporti della polizia della città, si racconta di peggio. La testimonianza di Africa Brumfield, 37 anni, donna ovviamente di colore, come del resto la stragrande maggioranza di quelli rimasti ad affrontare "Katrina", ha squarciato il velo della vergogna. "Andare al bagno da sola", ha raccontato alla polizia e poi confermato ai colleghi della Bbc, "era impossibile. Chi lo faceva rischiava di essere violentato o sgozzato".

Una vittima è uscita sconvolta dai bagni. E la gente, stanca dei continui soprusi, ha preso coraggio, si è ribellata e si è fatta giustizia da sola. Lo stupratore è stato individuato, preso e linciato. C’è voluto l’intervento dell’esercito, i primi 3000 soldati accorsi dopo l’ennesimo appello disperato del sindaco Nagin, per riportare un barlume di umanità in quella era diventata una giungla.

(http://www.repubblica.it/2005/h/sezioni/esteri/katri/suicidi/suicidi.html)

Annunci
Categorie:no comment
  1. 7 settembre 2005 alle 15:19

    non so se trattasi di assoluta coincidenza, ma anche invasiva ha chiamato un suo post (sull’argomento) proprio come te.

  2. 7 settembre 2005 alle 15:19

    non so se trattasi di assoluta coincidenza, ma anche invasiva ha chiamato un suo post (sull’argomento) proprio come te.

  3. 7 settembre 2005 alle 15:19

    non so se trattasi di assoluta coincidenza, ma anche invasiva ha chiamato un suo post (sull’argomento) proprio come te.

  4. 7 settembre 2005 alle 15:19

    non so se trattasi di assoluta coincidenza, ma anche invasiva ha chiamato un suo post (sull’argomento) proprio come te.

  5. bsq
    7 settembre 2005 alle 15:48

    Si è trattato di pura coincidenza, peraltro giustificata dall’evidenza. Lei ha postato per prima (domencia) e le va reso merito. E’ stata profetica: non poteva aver letto l’articolo che io ho copiato-incollato (e che suggerisce il parallelo con il romanzo di Sarmago in un modo stupefacente – ma anche facile per chi ha letto il libro) e che è uscito su Repubblica lunedì mattina.
    ciao

  6. 7 settembre 2005 alle 16:07

    Ben più profetico è stato Saramago, bsq. Grazie mille a Cletus per la segnalazione, ho scoperto così un bel blog che ancora non conoscevo.

  7. bsq
    7 settembre 2005 alle 16:21

    Certo, quello lo davo per scontato!
    Grazie e ciao

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: