SI o NO

Sul Supplemento della domenica del Sole 24 Ore di ieri, affiancate l’une alle altre le ragioni del si e quelle del no (o dell’astensione).
Autorevoli entrambe. Angelo Vescovi lavora all’Istituto neurofarmacologico Besta di Milano e le sue ricerche e le relative pubblicazioni sono di assoluto rilievo scientifico (hanno un alto Impact factor, per quello che vale: nella sua disciplina molto).
Lo trovate qui.

RIpete cose già dette: le cellule staminali su cui si fa veramente ricerca sono quelle adulte perciò dire che il No è oscurantista e contro la libertà di ricerca a suo giudizio è una cavolata (dalle conseguenze molto gravi in termini di suggestione popolare) ; l’embrione da eventualmente congelare è uomo fatto e formato e questo lo dice la scienza (interessante, mi sembra, l’argomentazione logica: l’embrione sembra essere niente – la scienza dimostra che non è così: chi è oscurantista, chi si fida di un’impressione, o di chi va in profondità?); la legge va comunque modificata (possibilmente dal Parlamento).

Nella colonna accanto l’appello di una cinquantina di premi Nobel che reclamano libertà di ricerca eccetera eccetera.

Annunci
Categorie:referendum l 40
  1. utente anonimo
    16 maggio 2005 alle 17:41

    suggerisco la lettura della Bustina di Minerva di Umberto Eco da
    L’Espresso, n.10 del 2005 su San Tommaso, chiesa cattolica ed embrioni. Riporto qui uno stralcio (il resto lo potege leggere al link che ho dato prima):

    ” … Tommaso ha una visione molto biologica della formazione del feto: Dio introduce l’anima solo quando il feto acquista, gradatamente, prima anima vegetativa e poi anima sensitiva. Solo a quel punto, in un corpo già formato, viene creata l’anima razionale (‘Summa Theologiae’, I, 90). L’embrione ha solo l’anima sensitiva (‘Summa Theologiae’, I, 76, 2 e I, 118, 2). Nella ‘Summa contra gentiles’ (II, 89) si dice che vi è una gradazione nella generazione, “a causa delle forme intermedie di cui viene dotato il feto dall’inizio sino alla sua forma finale”.

    Ed ecco perché nel Supplemento alla ‘Summa Theologiae’ (80, 4) si legge questa affermazione, che oggi suona rivoluzionaria: dopo il Giudizio Universale, quando i corpi dei morti risorgeranno affinché anche la nostra carne partecipi della gloria celeste (quando già secondo Agostino rivivranno nel pieno di una bellezza e completezza adulta non solo i nati morti ma, in forma umanamente perfetta, anche gli scherzi di natura, i mutilati, i concepiti senza braccia o senza occhi), a quella ‘risurrezione della carne’ non parteciperanno gli embrioni. In loro non era stata ancora infusa l’anima razionale, e pertanto non sono esseri umani. …

    ciao, L.

  2. 17 maggio 2005 alle 10:04

    Il fatto che Tommaso d’Aquino sia divenuto suo malgrado un sostenitore del fronte del sì dimostra quanto il fronte medesimo sia preda di un pernicioso qualunquismo sofistico nel quale non c’è vero amore per la verità ma una concezione puramente utilitaristica della retorica (Umberto Eco docet).

    Bernardo

  3. utente anonimo
    17 maggio 2005 alle 12:48

    caro bernardo, trovo vari interventi sul referendum (contro il referendum) in giro per i blog, in cui mi pare che tutti giochino un po’ al “piccolo teologo”.
    Non trovo mai nessuna considerazione sugli uomini e le donne che concepiscono un bimbo con la testa e col cuore (cioe’ lo concepiscono veramente, non si limitano a ritrovarselo per caso come tante volte accade) e non riescono per vari motivi a tradurre questo “primo concepimento” in un embrione. In precedenti commenti a questo blog ho gia’ riportato il parere dell OMS sul fatto che l’infertilita’ di coppia debba essere vista come un “motivo di salute pubblica a livello mondiale”. Non so se tu abbia vissuto questo sulla tua pelle, forse no, spero per te di no.

    Io votero’ 4 si’. Mi sta anche bene un discorso teologico, e non ignoro la posizione delle chiese sull’argomento. Ho gia’ avuto modo di ricordare qui come delle chiese cristiane solo la chiesa cattolica sia contraria alla fecondazione medicalmente assistita. E francamente ritengo inconcepibile che una legge dello stato sia di fatto una legge fondata sull’etica di UNA chiesa. Ci sono stati interventi chiari su questo, ad esempio da parte della tavola valdese.

    Io non ti conosco e non vorrei dare un giudizio su di te. Ma il tuo giudizio di “pernicioso qualunquismo sofistico” verso chi e’ contrario a questa legge mi pare a dire poco presuntuoso.

    ciao, L. (sorella di bsq, ma mai tanto lontana da suo fratello come su questo argomento)

  4. 17 maggio 2005 alle 13:59

    Assolutamente no, carissima. Il mio ragionamento è più o meno quello di Norberto Bobbio sull’aborto: non si può fare una legge contro il diritto prioritario di qualcuno a nascere, non esiste diritto più importante.
    Io non sono contrario alla fecondazione assistita, non ho di certo una posizione confessionale e non mi interessano, nello specifico, né quella dei cattolici né quella dei valdesi, sono semplicemente contrario a una scienza senza etica, al presunto diritto dei presenti di conculcare quello degli ancora-assenti, alla tecnolatria delle multinazionali del farmaco, a un’orribile campagna trash come quella del fronte del sì fondata sull’invidia sociale (i ricchi possono farlo, e allora? i ricchi fanno anche turismo sessuale, legalizziamo anche quello?), sui casi pietosi (vedi Luca Coscioni, che non potrà guarire comunque), sulle menzogne pseudoscientifiche (le staminali embrionali al momento non servono a niente, ma proprio a niente, e, in quanto totipotenti, sono praticamente ingestibili). Ricorrere alla cartolina patetica (in senso etimologico) della famiglia senza figli desiderosa di amare è l’ennesimo “consumismo” dei sentimenti (che in te è senz’altro in buona fede, per carità). Ti chiedo: perché l’eterologa, che è una sorta di adozione biologica? perché non una vera e propra adozione? La risposta è semplice: per una sorta di occidentalissima nevrosi del ventre pregno, ennesima manifestazione di un’etica declassata ad ancella dell’utilità.
    Altro che bei sentimenti, cara amica, quelli ormai sono relegati alle canzonette di Gigi D’Alessio.
    Io, per questo schifo, non vado a votare. In nome della mia laica ragione.

    Bernardo

  5. utente anonimo
    17 maggio 2005 alle 15:24

    invidia sociale? cartolina patetica? famiglia desiderosa d’amare? nevrosi del ventre pregno? caro bernardo, tu non sai neanche di cosa si stia parlando ….

    Scusa se te le dico, e scusa se te lo dico in un modo che puo’ suonare maleducato .. ho gia’ provocatoriamente accusato bsq una volta di “compiacimento” nell’affrontare questo problema, e non posso non rigirare questa “accusa” anche a chi definisce il problema dell’infertilita’ come “nevrosi del ventre pregno, manifestazione di un’etica declassata ad ancella dell’utilità

    C’e’ stata un’interessante puntata di Report dal titolo “fecondazione esterologa”, se non erro lo scorso settembre. Ricordo una donna intervistata che ha spiegato piu’ o meno cosi’ il suo disagio: “.. e’ qualcosa che invade tutta la tua vita”. Ma certo, poverina, vittima di una occidentalissima nevrosi del ventre pregno…. Forse ti sfugge un dettaglio, e’ cioe’ che fare figli e’ nella natura umana, e che chi non ci riesce non e’ vittima di una una nevrosi, ma di una forma di malattia (tale e’). Ma forse anche, che so, la voglia di curarsi un’ ulcera deve essere qualche strana forma di nevrosi … ma andiamo .. SIAMO SERI, e meno compiaciuti di noi stessi e delle nostre belle parole, e parliamo dei problemi VERI della gente …

    ciao, L.

  6. utente anonimo
    17 maggio 2005 alle 15:42

    caro bernardo … ho fatto un salto sul tuo blog e ho trovato questo tuo commento ad un post sul referendum: “Credo invece di aver detto qualcosa di ragionevolmente definitivo in materia.” ..

    per me e’ sufficiente per chiudere il discorso qui, chè non credo ci possa essere confronto quando qualcuno ritiene in tutta coscienza di avere detto qualcosa di ragionevolmente definitivo su un argomento cosi’ spinoso e sfaccettato. comuqnue il tuo blog conferma tutte le mie sensazioni di pelle :)) .. ciao, L.

  7. utente anonimo
    17 maggio 2005 alle 15:47

    pardon, la “e” del primo “che” del mio commento precedente doveva essere acuta e non grave .. mi rendo conto di quanto sia fondamentale sottolinearlo, in questo contesto … :))

  8. 17 maggio 2005 alle 15:48

    Non hai capito, o hai fatto finta di non capire. Hai citato il mio discorso sull’eterologa facendone indebitamente un giudizio drastico sul problema dell’infertilità. E’ scritto lì. Ho detto di essere favorevole alla fecondazione omologa. E’ scritto anche questo. L’eterologa E’ di fatto un’adozione biologica (basta rifletterci senza cartoline sanremesi davanti agli occhi) ma all’adozione vera e propria non si vuole pensare, no, c’è bisogno del pancione. E questa come la chiameresti tu? Io nevrosi del ventre pregno.
    Mi rendo conto che voi sostenitori del sì avete argomenti così deboli da dover fingere di non leggere ciò che scrivono gli altri, ma suvvia, un minimo di pudore!
    So fin troppo bene di cosa parlo, cara amica: cercate invece di elevare il livello dei vostri argomenti dal trash sanremese, dal buonismo del Mulino Bianco e dai “coscioni” della Ferilli in cui vi siete infognati, ne va della serietà del dibattito e, soprattutto, della cultura di questo già fin troppo sciagurato paese.

    Bernardo

  9. 17 maggio 2005 alle 15:54

    Carissima, invece di affermare, argomenta. Io ho detto, tu no. Io ho scritto, tu no. E’ vero: penso di aver scritto qualcosa di ragionevolmente definitivo in materia. Credi che non sia così? Ne hai ogni diritto. Però devi argomentare, come ho fatto io. Devi scendere nel merito di ciò che ho scritto. Altrimenti la tua è solo una ritirata, magari a parole un po’ guascona, ma pur sempre una ritirata.

    Con un sorriso,

    Bernardo

  10. utente anonimo
    18 maggio 2005 alle 09:58

    no caro non e’ una ritirata .. penso solo di avere il diritto di scegliere le persone con cui parlare .. tutto qui .. c’e’ chi non sceglie te ..

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: