In conclave

Non avrei voluto intervenire su questa storia perché francamente non ho un’opinione definita, anche se qualche auspicio personale ovviamente sì. D’altra parte Sandro Viola ieri ha scritto, non senza ragione, che, al contrario di laici, atei, giornalisti, ebrei, musulmani e buddisti, i cattolici non sono elettori silenziosi di questa contesa (come lo siamo, ad esempio, tutti noi europei in occasione delle elezioni americane, che ci riguardano da vicino), giacche’ si fidano totalmente dello Spirito Santo che orientera’ da par suo le scelte dei cardinali.
Da questa giusta proposizione ne discenderebbe che neppure le categorie citate dovrebbero provare alcun interesse nel merito, ma il duro lavoro di giornalista impone di fare un’eccezione e, scavalcando gli interessi personali e cavalcando invece quelli professionali, giornalisti, columnist o reporter, si sentono in dovere, prima ancora che in diritto di dire la loro.
Repubblica, come molti altri giornali per la verità, non si risparmia in cinismo e sportiva giovialità, nell’affrontare il conclave che inizia oggi. Una vigilia vissuta come si stessero per inaugurare olimpiadi in cui i nostri partono favoriti.
Regola numero uno: non stare sulla notizia, ma crearla, modellarla secondo il proprio punto di vista. Ridarle una nuova vita.
E così, dopo la gita di Zucconi negli appartamenti papali di ieri, le fotine dei candidati, i favoriti dei bookmakers e amenità simili, oggi pubblica le "lettere" di illustri personaggi che non hanno alcun interesse personale sulla faccenda, essendo personaggi che non vivono in nessun modo la realtà della chiesa (vale a dire la parrocchia), ma che si limitano all’aspetto genericamente mediatico (generando loro, o comuqnue favorendolo, l’equivoco di una Chiesa mass-mediatica e non più di mass e basta). Che il loro interesse personale sia pari a zero è evidente. Quello del lettore non so.
Così ci dobbiamo sorbire di prima mattina provocazioni idiote di Ceronetti (aridatece er latino), nobili proposizioni anodine di Shimon Peres, auspici nobili di metropoliti o che so io.
(molto piu’ interessanti le interviste a cinque parroci sul Venerdi’ di questa settimana).
(e che? i laici non possono esprimersi sull’elezione del Papa cattolico? Certo che sì. Ma vi sembra che il modo con cui questo evento è trattato in questi giorni sulla stampa laica abbia un senso? Sia connesso alla vicenda spirituale, e anche politica, certo, che l’avvenimento porta con sé? E se anche il contenuto lo fosse – come l’insignificante quanto un discorso di Casini, ma legittimo, articolo di Peres – non vi sembra comunque sovrastato dall’involucro che lo contiene, e cioe’ dal gusto spavaldo e indifferente di coprire in modo gradasso e fasullo la notizia?)
 

Annunci
Categorie:chiesa cattolica
  1. 18 aprile 2005 alle 10:13

    Concordo su tutto, in particolare sull’incapacità dei giornali di stare sulla notizia anche quando, paradossalmente, non c’é: l’incapacità, cioé, di tacere quando non c’é nulla da dire. Ma forse in questo modo concedo alla stampa una buona fede che non ha, ed è voluto questo occupare il vuoto di notizie con un pieno di nulla che comunque instradi interpretazioni e giudizi nella direzione desiderata quando la notizia invece ci sarà. Una sorta di banalizzazione preventiva, nella migliore delle ipotesi.
    Ecco, se c’é invece qualcosa su cui non convengo appieno è l’identificazione tra realtà della chiesa e parrocchia.

  2. bsq
    18 aprile 2005 alle 10:20

    Sull’ultima cosa: era un po’ forzata e provocatoria. Volevo dire genericamente “comunità”, ma è nelle parrocchie che, mi pare, ci sinao oggi i maggiori problemi (svuotamento, carenze, allontanamento dalla Parola eccetera)
    e.

  3. utente anonimo
    19 aprile 2005 alle 13:15

    … svuotamento, carenze, allontanamento … la chiesa cattolica forse dovrebbe interrogarsi su questo, sulle distanze che forse ha preso dalla vita reale, o sul suo mancato avvicinamento alla vita reale … L.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: