Riepilogo

Il Papa e Ali Agca   Il Papa al muro del  pianto

Il Papa dei segni. Il Papa mediatico.
Sono d’accordo con Leonardo: "Il sentimentalismo è la rinuncia al giudizio, in favore di una reazione istintiva e puramente emotiva. Come tale, è inevitabile che sia egoista".

Pero’ qualche volta una reazione emotiva suggerisce un grado di profondità del vero che, in assenza dell’emozione, rimane troppo legata alla ragione (il che non è sempre di aiuto, quando di mezzo c’è la verità).
Io per esempio mi commuovo molto di fronte all’altrui commozione.
Che la mia sia una reazione sentimentalistica non c’è dubbio.
E tuttavia io la condivido!
Cioè: non mi pare il caso, ragionandoci, di prenderne le distanze.
La commozione altrui, di fronte a fatti pubblici, o privati, mi fa accedere a significati indefinibili e probabilmente più autentici di quelli che mi sono sensibilmente chiari attraverso il mio personale giudizio.
Le lacrime altrui mi danno la misura del grado di pervasività, al di là di ogni possibile comprensione, dei significati veri di un fatto (non mi metterò ora a fare distinguo – ne farò uno, estremo, per farmi capire: se dovessi assistere a scene di commozione collettiva di persone di fronte a Berlusconi mi sento di escludere con una certa sicurezza di riuscire a com-patire e condividere la loro emozione).
In genere mi fido della commozione degli altri.
Bene. Per dire che forse anche della mia posso in qualche misura fidarmi.

Le due immagini scelte per ricordare il Papa sono le due che più di tutte mi hanno commosso
(sono un’anima semplice): le due facce del perdono.

Il Papa mediatico. Già. Ma la domanda è: ciò che ha fatto è vero, o è pura fiction?
E’ vero. E questi sono gesti rivoluzionari.

Annunci
Categorie:chiesa cattolica
  1. 4 aprile 2005 alle 19:06

    Il sentimento è un indizio: fa prendere coscienza di trovarsi di fronte a qualcosa che vale. Quindi è positivo, eccome. Sentimentalismo è fermarsi al sentimento, restandone in balia. Come te, anch’io sono portato a commuovermi davanti alla commozione altrui. Però escludi di commuoverti davanti a chi si comuovesse per Berlusconi, e io pure. Ci siamo: non sei un sentimentalista, non sei in balia del sentimento, ma lo sottoponi ad un giudizio. Quindi, positiva in sè non è la commozione, ma il valore di cui la commozione ti fa prender coscienza e che sottoponi a giudizio. Non so se mi sono capito. [e comunque, cazzo, ‘ste due immagini sono una botta]
    Leo

  2. 4 aprile 2005 alle 20:28

    Perchè non commuoversi, dico io?
    Ciao,
    Franz

  3. bsq
    5 aprile 2005 alle 08:30

    Infatti. Mi commuovo e al diavolo il resto!

  4. 5 aprile 2005 alle 10:57

    Allora non vedo perché colpevolizzare chi di quella commozione altrui non si fida. Io non mi fido delle folle commosse. Non mi fido di chi il papa lo vede di striscio in televisione ogni tanto e poi quando muore si precipita in piazza san Pietro a “pregare”. Non mi fido e anche queste – le mie – sono emozioni, quindi altrettanto valide e affidabili, come dite voi. Trovo imbarazzante il fascismo sentimentale di chi ora si dispera per il papa e fa il brutto muso con chi non ha empatia.

  5. bsq
    5 aprile 2005 alle 11:07

    Io parlavo in generale.
    Ricordo d’infanzia. Funerali di Enrico Berlinguer. Io non c’ero, stavo a Pesaro, al festival del cinema. Apro il giornale, vedo la foto di una giovane donna che assiste al passaggio del corteo funebre. In lacrime. Disperata. Per la miseria, dico. Io stimo Berlinguer, ho votato per lui e mi sembrava una persona veramente perbene. Ma io non mi sarei messo a piangere. Ma per quella donna sì.
    (così sistemata anche la par condicio)

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: